lunedì 26 settembre 2011

Il raglio della Gelmini



L'ha scoperto la Gelmini
dal Gran Sasso ai confini
un bel tunnel per neutrini!
Grazie solo ai bei quattrini
d'un governo di padrini
...ma ci ha preso per cretini!

La domanda vien da sola,
come han fatto a nominarla
proprio a capo della scuola
se non sa di cosa parla?

Io conosco la risposta,
forse molti poi la sanno
non è poi tanto nascosta,
se sono rose... raglieranno!


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati



4 commenti:

  1. NO ALLA LEGGE BAVAGLIO

    Tale proposta di riforma legislativa, che il Parlamento italiano sta discutendo in questi giorni, prevede, tra le altre cose, anche l'obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.
    Purtroppo, la valutazione della "lesività" di detti contenuti non viene rimessa a un Giudice terzo e imparziale, ma unicamente all'opinione del soggetto che si presume danneggiato.
    Quindi, in base al comma 29, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog, su una testata giornalistica on-line e, molto probabilmente, anche dal mio blog di poesia satirica, potrà arrogarsi il diritto — indipendentemente dalla veridicità delle informazioni ritenute offensive — di chiedere l'introduzione di una "rettifica", volta a contraddire e smentire detti contenuti, anche a dispetto delle fonti presenti.

    RispondiElimina
  2. questa mia poesia satirica è stata censurata dal sito Scrivere e da un gruppo di psuedoartisti... dimostrando che purtroppo esistono ancora persone che non sono in grado di comprendere la satira come forma artistica oltre a non avere alcun rispetto per l'Art. 21 della nostra Costituzione sulla libertà di espressione... vorrei invece ringraziare la redazione del sito letterario La Recherche per la bella recensione e i complimenti ricevuti su questa composizione.

    RispondiElimina
  3. naturalmente ho immediatamente preso le distanze da questi soggetti censori ritirando ogni mia composizione dai suddetti siti... preferisco essere presente dove c'è libertà di espressione e competenza...

    RispondiElimina
  4. Articolo 21 COSTITUZIONE ITALIANA


    Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

    La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

    Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria [cfr. art.111 c.1] nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.

    In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo d'ogni effetto.

    RispondiElimina