martedì 31 luglio 2012

Poesia è ...


Poesia è ...

un ricamo di luce sull'impervio


Matteo Cotugno
diritti riservati

foto di mia proprietà: Costa Paradiso - Sardegna

lunedì 30 luglio 2012

Audace



Si perde un lacrima
nel pozzo rovistato dal tempo,
qualcuno tira giù ancora
un secchio, audace cercare
un dolore laddove s’infinisce
perdendosi nel fondo,
laddove una lacrima si fa onda,
sotterranea traversa il mondo
fino al delta del cuore
nel mare di noi.

Matteo Cotugno
inedita – diritti riservati
27-07-2012

mercoledì 25 luglio 2012

Respiro lieve



Il tuo respiro lieve
sul cuscino dell'Anima
rasserena pensieri,
stempera dolori,
nel tepore di un sogno
incosciente di noi.

Lo sento ritmare
lento sui battiti,
le aspirazioni d'un uomo,
appese sulla matita
muta nel suo grigio
distesa sul mio bianco.

Il tuo respiro lieve
m'avvolge il corpo,
nudo nella vasca
piena del tuo cuore,
regalando emozioni
chiuse in abbracci.



Matteo Cotugno
© copyright “PoesiAnima”

07-07-2010


video


martedì 24 luglio 2012

Vendersi



L’acredine d’un nero
vivere nell’assenza
colma periferie
di mille vetri infranti,
di mille vite spente,
fra copertoni accesi
in fuochi fatui persi
dai fari di chi passa
scippando dignità
a cuori lapidati
anche da chi vede
e fa finta di nulla.

dedicata ai ragazzi e ragazze che si vendono per strada tutti i giorni, spesso costretti, fra l'indifferenza generale

Matteo Cotugno
Tutti i diritti riservati

lunedì 23 luglio 2012

Non più mio



Un filo bianco
si percepisce appena
nell'azzurro

spaventa
l'avanzare lento

deciso

preciso

verso me
assorto

a guardia d'un cielo
non più mio.


Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati 

Libertà



Mani che non c’erano
Mani che ho odiato
Mani che hanno sollevato solo morte
Mani che ora
si tendono e accarezzano
Mani che amano
Mani di amici
fedeli…
ora uomini.

Zampe che c’erano
zampe che ho amato
zampe che hanno sollevato alla vita
zampe che ora
si flettono nel vuoto sopra i cancelli
zampe che amano
zampe di amici
fedeli…
quattrozampe.


Matteo Cotugno
23-07-2012
diritti riservati

ai piccoli di Green Hill che apprendo essere stati affidati alla LAV e a Legambiente… sono felice per loro…

domenica 22 luglio 2012

Novi Ark



Brusio di storia fra i solchi
lasciati sui quieti ciottoli,
firma di mille carri per Mantova
che sfilano nel silenzio
degli “in fronte pedes”
ai lati della strada,
memoria di un popolo fiero
vissuto fra glorie e onori
della Mutina romana,
ora tornata a noi
a rivedere il cielo
a riascoltare il brusio
di quelle stelle negate
per tanto tempo
sul biancore di pietra.

Matteo Cotugno
21-07-2012
diritti riservati

in onore del Novi Ark inaugurato il 21-07-2012

in foto la via per Mantova che dipartiva dalla via Aemilia e le lapidi che la costeggiano

sabato 21 luglio 2012

Ricordi d'estate



Un mare di spighe punteggiato di luci
brilla al vento gioioso nei ricordi
degli occhi sorpresi di un bimbo
che vola sul balcone come magia
d’un tappeto a raggiungere le onde,
a toccare le lucciole per tenerle con sé
per sempre accese sul cuore
a illuminarne il futuro.

Sorride al rincorrersi delle onde
sul grano annerito dalla notte
e ne segue il corso e l’infrangersi
infinito nell’indistinto,
perso dietro lumini sempre più radi
e sempre più radi canti di cicale
ricamano il silenzio
di un’estate lontana.

Matteo Cotugno
diritti riservati
06-08-2010

venerdì 20 luglio 2012

Insufficienza





Ho solo due occhi
per riempirli col rosso
di un sole al tramonto

Ho solo un cuore
per sentire il calore
dei suoi raggi cadenti

Ho solo un’Anima
per ascoltare il pianto
del suo anelito al cielo

Ho poco con me… (per lenire il tuo cuore)
… perdonami.

Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati
29-11-2009

la poesia Insufficienza nasce come riposta alla seguente poesia di un grande poeta modenese scomparso negli anni 70…


Consolazione (di Raoul Nardini)

Non pare
ma a volte
il bacio di un raggio di sole
al tramonto
è balsamo
a un cuore piagato
che anela
al sereno dei cieli.

Raoul Nardini
30-09-1958

In questo mondo c’è bisogno di più occhi, di più cuori, di più Anime… di più poesia, per soddisfare la sua/nostra necessità, il suo/nostro anelito al sereno dei cieli…
Matteo Cotugno

foto di mia proprietà... la Corsica in sfondo nel tratto Olbia Livorno

Bacio



Il sapore di un bacio
sospiro d’istante
s’insinua negli angoli
nascosti fra pilastri
abusivi di periferia
a stringermi  nel cappotto
fino a sentire il profumo
del suo rimmel
e mani si rincorrono
sotto i maglioni
a cercare il futuro
fra timidezze e tabù
d’un bacio che sa di pioggia
e di primavera.

Matteo Cotugno
inedita – tutti i diritti riservati

Desideri


L’istinto vive di me,
di te, di noi,
abbracciati fatalmente
nell’inferno di desideri
urlati alla morte,
perché è lì
la nostra libertà,
bramosia di vita
senza carne da sfamare.

Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati
05-03-2011

martedì 17 luglio 2012

Il blu




E’ quel blu
che mi manca,
increspato dal vento
avanza verso me
come ad inghiottirmi
ed io immobile
lo attendo
su ricordi tarlati,
come sospeso
tra il mio essere
e il divenire
che m’investe
e trascina
nei sogni.

E’ quel blu
che mi manca
quando s’inarca
sul baciare di cielo
scambiandosi i limiti
come a indicare
il mio essere piccolo
nel suo infinirsi
tra i dubbi dei tramonti
e le certezze delle aurore,
nel baluginare di stelle
ammantato di nero
fino alla carezza
d’una scia di sole.

Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati
14-03-2011

foto di mia proprietà del 12-03-2011: Torre San Giovanni (Ugento - Le)

Io sono qui



Eterea bellezza
il tempo non ti appartiene
e la tua voce muta
grido dell’Anima
dice solo al cielo:
Io sono qui!
Impronta di una vita
dipinta sulla tela,
impressa nell’Anima.


Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati
10-02-2010

ringrazio l'autrice Antonella Di Lucia per la concessione del dipinto






Cosa sei



Stanco
che tu sia sempre fuori
dal mio gioco,
con i tuoi freddi se
ed i tuoi ma,
che tu rimetta sempre
tutto a posto,
serenamente,
nel mio disordine
c’è tutto me.

Ma cosa sei?
Restando in silenzio
cerchi gli occhi miei
ma non sopporti
il peso di tutto il cielo
dentro me,
come mai?
Se è lo stesso cielo
che mi ha smarrito,
lo stesso cielo tuo.


Matteo Cotugno
08-07-2012
inedita – diritti riservati 

recitazione dell'attore, regista, doppiatore Franco Picchini che ringrazio di cuore


lunedì 16 luglio 2012

Disperato



I tuoi silenzi
nei miei,
assoluti nulla
pieni di tutto
ciò che era,
che poteva essere,
che non c'è stato,
che ho amato,
disperato,
abbandonato
ora,
nell’inquietudine
dei tuoi silenzi
nei miei.

Matteo Cotugno
inedita - diritti riservati
13-10-2011

in foto: Separation (1896) di Edvard Munch



E' la vita




Senti l’amarezza che ho dentro?
oggi non voglio morire

no

oggi voglio sentire
l’azzurro della tua voce
risuonarmi dentro
fino in fondo

no

oggi voglio assaggiare
il sale sulle ferite
che mi hai lasciato
fino in fondo

no

oggi voglio credere
alle tue lacrime
come alle mie
fino in fondo

non voglio morire
senti l’amarezza che ho dentro?

…è la vita.


Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati
01-03-2011

Il filo



Sospeso sul filo
funambolo
il cuore avanza
piano
fra incertezze
passo dopo passo
spettatore unico
del suo numero
ammira
il vuoto intorno
avanza
piano
tra gioie e lacrime
intimorito
dalle instabilità
a braccia aperte
avanza
piano
levando lo sguardo
di tanto in tanto
al cielo
in preghiera
avanza
piano
il battito è un sussurro
nell’infinito
amore
d’acrobata.

Matteo Cotugno
Inedita - tutti i diritti riservati
28-02-2011

Navigante



Ti ho incagliata
sui fondali bassi
del ravennate porto
per salvarne le merci,
difese dai miei uomini
col coraggio ed il cuore,
ora che, mia nave,
la tua stremata chiglia
ha ceduto alle onde,
dopo furioso attacco
dei rostri nemici
nell’Adriatico mare.

Giunta al mio comando
dai porti d’Oriente,
per scambi proficui
con spezie e stoffe
di lontani popoli,
diversi da noi,
ma innamorati
delle stesse stelle,
dello stesso cielo
che ci sottende,
naviganti di vita
distesa tra i mari.

Matteo Cotugno
Inedita – diritti riservati
12-04-2010

ispirata da un frammento di stele funeraria rappresentata da una prua navale in memoria di un comandante dell'epoca romana

Peccato



Peccato vissuto
da carne bramosa
in cuori ricolmi
di sogni proibiti
regala amarezze
rattrista la vita.

Ipocriti abbracci
di gioie sdraiate
fra bianche lenzuola
bugie di un istante
bugie di una vita
venduta in attesa
di spegnersi ancora.

Matteo Cotugno
Inedita – tutti i diritti riservati

domenica 15 luglio 2012

Tracciami dentro un sogno



Tracciami dentro un sogno
sarò lì a vederti disegnare
il silenzio che ci unisce
ogni notte,
un infinito filo disteso
fra te e il cielo
per farlo nostro
e aggiungere al suo
il profondo dei tuoi occhi
quando il sorriso li accende
e li rende stelle,
le più belle,
le mie.

Matteo Cotugno
diritti riservati
13-07-2012


mercoledì 11 luglio 2012

Viva




Cercarti fra le venature
e gli spigoli vivi del marmo
che ti riveste, che mi riveste
tra quei freddi numeri
che ci separano da tempo,
nei colori dei petali
dono di ogni giorno,
sui gradini di quella chiesa
dell’estremo abbraccio,
cercarti
e cercarti ancora
nei momenti lucidi
che mi restano ancora,
ancora per poco…
per poi ritrovarti qui
fra i versi a matita
di una quaderno ingiallito
che vive di te
amore
per te
amore
che vive con te
per sempre.

Matteo Cotugno
inedita – diritti riservati
03-11-2011

lunedì 9 luglio 2012

Amarezza pietosa



Amarezza pietosa
quel fiore fermo 
sullo sterrato,
ancora in grembo,
bruciato dall’odio
di chi l' ha creato,
ignobile
gesto di chi si sente dio
ma non lo è,
spietato giardiniere
ora grate di ferro
chiuderanno per sempre
le tue forbici
malvagie.

Matteo Cotugno
09-07-2012

Inedita – diritti riservati

ispirato da un tragico fatto di cronaca

domenica 8 luglio 2012

Bosoni



Un senso di nulla
affascina lo sguardo
perso verso il cielo
quando il nero lo conquista,
è sentirsi niente
in quell’immenso lassù
tra un brillìo e un altro
sfuoca l’umanità,
ci resta la luce fioca
di una finestra,
la nostra mente
che si affaccia
e mente al cuore
dicendogli
- nessun disegno,
solo bosoni.

Matteo Cotugno
diritti riservati
06-07-2012

Le mie poesie



Le mie poesie
sono i pioli
di una scala
che ha un inizio
ma non ha fine
e io la percorro
tutte le notti
per raggiungere
i miei sogni.

Matteo Cotugno
diritti riservati
03-07-2012

Immerso



Immerso nel vuoto
del baratro scavato
fra noi,
annaspo
senza appigli
precipitando,
non un grido,
non una lacrima,
solo un sorriso
amaro,
negli occhi
ancora tutto
il cielo,
il nostro,
lontanissimo,
solo un eco
di azzurro
dentro me.

Matteo Cotugno
diritti riservati
06-07-2012

foto su gentile concessione di Viola Lorenza Savarese Photographer
www.violalorenzasavarese.it

lunedì 2 luglio 2012

Stringersi ai sogni



Stringersi ai sogni
nuvole di emozioni
sospinte in voli silenti,
farfalle di desideri
inghiottiti ad occhi chiusi,
respiri di stelle
abbracciate ad un palpito,
tremori di luna
a guardia d’ogni segreto.

Stringersi ai sogni
sospiri d’anima.

Matteo Cotugno
inedita - diritti riservati
04-04-2012