lunedì 20 aprile 2015

Mediterraneo


Migrare oscillando sulla fame
sulle indicibili violenze
sugli orrori vissuti a pelle
scappare dal malvagio uomo
che ha torturato e stuprato
derubato e ucciso
migrare oscillando sulla speranza
di un’esistenza migliore
fuggendo dalla guerra
scappando dalla morte
per abbracciarne un’altra
oscillando su una carretta
nel Mediterraneo
affollata di paura
svuotata di vita
e riempita di pietà.

Matteo Cotugno
inedita

20-04-2015

venerdì 17 aprile 2015

Barattoli e pensieri


Barattoli e pensieri
calciati sulla strada
rovinano sui passi,
compagni del fragore,
fin dentro al tuo portone
che varco col timore
scoprissi me in quel gioco
di non pestar le linee
su tutti i marciapiedi,
per sfida alla fortuna,
per fingere un sorriso
e ripensare al tempo
di quei furtivi incontri
nascosti nel cortile,
cresciuti ragazzini
rabbiosi sol d'amare.

Matteo Cotugno
rivista 17-04-2015
diritti riservati

inedita

sabato 4 aprile 2015

Chi sei?



Chi sei
ora che il sangue trasforma il viso
e lo sguardo non riconosco?

Chi sei
con quell'andare lento sul monte
e il piegarti sulle ginocchia erose?

Chi sei
adesso che la tua lingua è livida
e non comprendo più cosa dici?

Chi sei
così circondato di odio
da vederti appena?

Chi sei
svestito di ogni cosa
senza provare vergogna
e senza suscitarla agli occhi?

Chi sei
tu Uomo
per fare tutto questo
solo per ricordarmi
che anch'io lo sono?


Matteo Cotugno
05-04-2015

in foto "Compianto su Cristo Morto" di Guido Mazzoni
terracotta - 1477/79
Modena, Chiesa di San Giovanni Battista