sabato 14 dicembre 2013

Solitudine


Dimmi quando resti solo
e nemmeno le parole 
bloccate nella tua gola
ti fanno più compagnia.

Sarò proprio lì con te
nello stesso silenzio
di un abbraccio, amico,
sospeso nel precipizio.

Dimmi quando sali in alto,
per sentirti al di sopra
non occorre lanciarsi,
ché del buio non resta traccia.

Sarò là sotto a provarti
che il mondo è più stupido
visto da lassù e lo sai:
chi ti vuol bene ti crede.

Matteo Cotugno
31-10-2013
inedita – diritti riservati

La pagina della vita


E quel che sembra una pagina
è tutta una vita che passa
e la giri… e pare niente
ma ciò che volti non torna
ne senti il fruscio nel vuoto,
sfuma sempre più lontano 
e si appoggia al passato
a ciò ch’è già chiuso 
e non vedrai mai più.

Germogli di sogno
riempiono pagine bianche
e quel che sembra finito
è soltanto da riscrivere
insieme a chi è lì
in attesa da sempre
d’incontrare te
dentro quella pagina
appena girata.

Matteo Cotugno
28-10-2013
inedita – diritti riservati

sabato 26 ottobre 2013

Ricerca


Lunghi i passi sotto il ponte
e lì una dimora
vissuta come ricerca
e gli occhi,
restano solo quelli,
fuori dal nero
che ammorba la pelle.
Ore e giorni sono uguali
mesi, anni sono estremi
di una sfida mai iniziata
di una ricerca senza fine
sul limite dei perché
tu non ci sei negli occhi
e non mi riconosci più.
Seduta a fianco
tiri fuori i sogni
come un film
da vedere assieme
ed io, che ho solo stelle
per farti felice,
te le regalo tutte.

Matteo Cotugno
26-10-2013

inedita – diritti riservati

martedì 15 ottobre 2013

La pioggia sul viso


La pioggia sul viso
decido di amarla
la sento che fredda
mi scende fin dentro
un brivido… tremo
son vivo lo sento!

E’ bella la pioggia
se questo tormento
mi asciuga il dolore
di essere qui solo
in centro a girare
stringendo gli occhi
per farli schiarire
e poterti cercare
nel cuore a sfinire.

La pioggia sul viso
decido di amarla
non è lei che ho illuso
ma chi ama sognarla
e tenta e dispera
di amarla stasera.

Matteo Cotugno
15-10-2013
inedita - diritti riservati

sabato 12 ottobre 2013

Filastrocca sul vento


Senti questo vento!
 - è un canto lo sento -
ma ascoltalo bene
che cosa sovviene?
Azzurra carezza
di cielo una brezza
ti sfiora la pelle
trapunta di stelle
e di baci una luna
ti porta fortuna,
un sole bambino
che fa capolino,
la notte si arrende
chissà se si sente
ancora quel vento
un dolce tormento
che canta alla vita
la gioia infinita
di essere al mondo
un po’ vagabondo
col cielo sul viso
e in tasca il sorriso.

Matteo Cotugno
12-10-13

inedita – diritti riservati

Tramonto


Sicuro laggiù l’orizzonte
la traccia si staglia e si sfronda
sui monti e le nuvole in fondo
colori sfumati di cielo
sostengono appena lo sguardo
e tu che mi tieni per mano
mi dici di viver soltanto
per me che davanti all’incanto
di questo tramonto son poco.

Matteo Cotugno
11-10-2013
inedita – diritti riservati

sabato 5 ottobre 2013

Naufragio di un sogno


Galleggia una foto
e una scarpa sola vicino
una piccola borsa,
l'inchiostro blu
inghiotte il resto
in una pagina nera
che sa di nafta bruciata
e di terrore.
Naufragio di un sogno
sospirato in tv
ascoltato nei racconti
di chi l'ha vissuto
lavorando oltre il mare
in quest'america sdrucita
chiamata europa,
una volta culla del sapere,
oggi fossa comune
della speranza.

Matteo Cotugno
inedita - diritti riservati

05-10-2013

venerdì 4 ottobre 2013

Il mare


Il mare non guarda
si lascia attraversare
si lascia sporcare
si lascia amare
si può odiare
ma non guarda
non guarda mai
non ha occhi
non ha ragione
non ha pregiudizi
ecco perché ieri
il mare ha pianto
non è indifferente
e accoglie chi gridava
invano aiuto
non conosce la morte
non conosce l'orrore
di chi può e non fa nulla
accoglie pietoso
le nostre sconfitte.

Matteo Cotugno
04-10-2013
inedita - diritti riservati

giovedì 3 ottobre 2013

Ebook "Un cielo di poesia 2013"


DAL 1 SETTEMBRE e fino al 10 OTTOBRE è possibile inviare alla mail ebookpoesia@libero.it una poesia a tema libero per l'edizione 2013 dell'antologia in ebook gratuito UN CIELO DI POESIA 
E' una iniziativa totalmente GRATUITA, non è un concorso, ma un incontro di poesia, occorre semplicemente inviare una poesia possibilmente in formato word alla mail indicata.
I diritti restano riservati agli Autori.
L'ebook è protetto da posta raccomandata certificata e dal copyright dei portali internazionali in cui verrà inserito come ebook liberamente accessibile a tutti: Calameo, Isuu, Scribd.
Ogni Autore riceverà in dono il file per poter leggere l'ebook sul proprio pc o smartphone o tablet.
Non sarà commercializzato, ne è vietata la vendita.

Matteo

giovedì 26 settembre 2013

Non capirò mai


Non capirò mai tutti i dubbi
del fare o non fare
del dire o non dire
del passo avanti e due indietro,
ma quanto male fa la paura
tanto da uccidere ogni luna
s'affacci a noi,
disperatissimi naufraghi
di notti di pianto.
Una carezza è sollievo
sul sorriso corrugato
dei tuoi sogni,
ti giunga ovunque sia
stella.

Matteo Cotugno
inedita – diritti riservati

26-09-2013

venerdì 6 settembre 2013

Omo



Io
che sono qui
a fermare il cielo
se te ne vai,
non saprei
trattenermi più,
nascondersi
è diventato squallido
e gli occhi tradiscono
quel che provo
per te
amore mio,
quei baci rubati
sotto casa fan male
quanto le botte prese
a passeggiare insieme
tenendoci per mano,
quanto il ribrezzo
celato negli occhi
di chi ci odia...
fa così male amarci
in questi altari
imbiancati di pregiudizio
ma credimi amore
credimi…
morirei amandoti.

Matteo Cotugno
06-09-2013
inedita - diritti riservati

tela di Giulio Durini

mercoledì 4 settembre 2013

Fermati


Arresta la tua corsa,
il fiato rincorre i battiti
svuotandone i suoni,
ferma l'incedere del tempo
sullo spazio che ci separa,
sarà inutile...
sarà inutile come sempre,
siediti qui sul cuore
e prendi fiato...
l'amore non ha fretta.

Matteo Cotugno
03-09-2011
inedita - diritti riservati

L'ombra


Sul fondo c’è sempre un’ombra
si tratti d’un bicchiere
o d’un uomo
è lì che si nasconde
e intimorisce.

Traccia di ciò che resta
a guardarti andar via
dal tavolino del bar
ove sedesti tranquillo
con la tua follia.

Il resto mancia
nel conto che hai pagato
amaro come un pianto
che non riesci a trattenere
che non riesci a sentire.

Matteo Cotugno
03-09-2013
inedita – diritti riservati

lunedì 2 settembre 2013

In-canto


In-canto del mondo... sei
il viso di chi aspetta
chissà cosa
e il sorriso di luna
che abbraccia forte
tutti i tuoi sogni.

Dolce e remota
nota d'un canto
scesa nel cuore
a ricamare d'immenso
le mie parole
scritte per te.

Matteo Cotugno
02-09-2013
inedita - diritti riservati


domenica 1 settembre 2013

Morire tra la spesa


La spigola oggi a quanto me la fai?
E’ l’unico grido che resta per terra
sul bianco lenzuolo che copre Gianfranco.
Si muore di cuore e il pesce si compra
se non è fresco si sa che poi puzza,
la gente passa e si scosta dal corpo:
la spigola compra e il polpo ch’è vivo,
lui guarda e sospira sulla sua sorte.
La morte d’un polpo non interessa,
nemmeno ti guarda… si gira e passa
sul bianco lenzuolo l’indifferenza.

Matteo Cotugno
06-08-2013


inedita – diritti riservati

Un cielo di poesia 2013


Da oggi 1 SETTEMBRE sarà possibile inviare alla mail ebookpoesia@libero.it una poesia a tema libero per l'edizione 2013 dell'antologia in ebook gratuito UN CIELO DI POESIA _____ 
adesioni totalmente gratuite, gli autori riceveranno il file con il libro elettronico in omaggio da leggere anche off line, l'ebook sarà diffuso su tutti i portali internazionali e liberamente accessibile a tutti!!!!
Sperando di ripetere lo strepitoso successo di letture della precedente edizione con più di diecimila lettori in tutto il mondo..!!!!

Matteo

venerdì 30 agosto 2013

Gran Carro


Mentre ogni colore si stempera all’orizzonte,
il brivido del buio s’appresta al sole,
placida distesa di tepore
occhieggia fra nubi sempre più rade
e svanisce come un gioco bambino.

Taci sospeso alla volta incupita…
gli occhi che cercano non si perdono
e il Gran Carro li guida nei barlumi:
speranzosi fremono levandosi
a tracciare la rotta polare.


Matteo Cotugno
30-08-2013
inedita – diritti riservati

Traguardo


Un traguardo costa
come venire al mondo,
un gesto d’amore,
sacrificio di cure
donate agli altri,
perle d’anima
che parlano di te
anche dopo la polvere
della lunga strada:
un traguardo
raggiunto a metà
ma che vale una vita intera.

Matteo Cotugno
27-08-2013

inedita – diritti riservati

in occasione dei miei 50 anni

Pensarti


Pensarti
è una fune che lanci
- sceso nei tuoi abissi -
a salvarmi,
potrei perdermi
sospeso laggiù
nell’immenso che sei…
anima mia.

Matteo Cotugno
07-08-2013
inedita – diritti riservati


Turbine


Soffia sempre nel centro dell’anima
laddove il cuore si fonde col cielo,
sì dispiegando una grande vela
su quella zattera rimasta di me.

Soffia più forte che tutto si smuove:
nuvole, giorni, paure e silenzi,
lacrime, sospiri, odi e rancori,
spersi nel turbine degli occhi tuoi.

Soffia ancora più dolce amore mio
che sento i colori del sole distesi
nei rivoli dei tuoi freschi sorrisi,
immerso nel mare dell’infinito.

Matteo Cotugno
23-07-2013
inedita - diritti riservati

giovedì 29 agosto 2013

Amami ancora (tanka)


Amami ancora
farfalla dei pensieri
l'alba è lontana.

Tramonti nel mio cuore
risorgi nell'anima.

Matteo Cotugno
28-08-2013
inedita – diritti riservati

CINQUANTA


Credersi sempre
Infiniti ma siamo
Naufraghi del tempo,
Quando le lune
Uncinano il cielo
Arabescandolo di sogni
Notturni sospiri
Tengono uniti i giorni
Al cuore che ci resta.

Matteo Cotugno
27-08-2013
inedita – diritti riservati


mercoledì 28 agosto 2013

Per un canto


Mai sentirsi svaniti,
cogli l’attimo se dura
e ama
senza tanto quando basta
che le misure non han senso,
ama
e fallo follemente
oltre la pietra di ogni ricordo,
oltre le montagne fisse negli occhi,
i mari debordati nei tramonti,
i cieli sempre più distanti,
ama
e respira quel profumo di pelle
sul cuore nudo,
nascesti per un canto
sul ciglio di un bacio.

Matteo Cotugno
28-08-2013
inedita – diritti riservati

dipinto di Marco Ortolan

venerdì 2 agosto 2013

Bellissima idea


Bellissima idea tu,
che nascesti quando il sole
si fa leone
e ogni premura d’ombra
svanisce,
sei stata fuoco di pelle
astraendomi da ogni dubbio.

Bellissima idea… tu,
che fioristi dall’azzurro
rapito al cielo
e ogni sorriso
rivesti di luce,
sei stata giorno senza notte
baciandomi d’infinito.

Sì… sei tu quell’idea bellissima
che arde crescendomi dentro
e sublima i timori
d’un uomo dimentico
d’amore.

Matteo Cotugno
31-07-2013
inedita- diritti riservati
EDB1B70C.00180C2C.35C3E7C0.B9A9FFD5.posta-certificata@postacert.it.net

in foto Marilyn Monroe a Santa Monica
foto di George Barris

Veli



Solo veli per me 
che sotterro la coscienza 
nell'incoscienza di averti, 
inesprimibile cielo 
mi spinge a te che 
nuvola m'attraversi 
e sommergi scoprendo
anche i pensieri
pudicamente nascosti
pensando a te,
gioia, dalla pelle 
alabastrata e soffusa,
mi guardi nei limiti
e sotterri ogni altare
eretto all'effimero
mostrando quel sorriso
celato sul viso
e svelato per me.

Matteo Cotugno
29-07-2013
inedita - diritti riservati


foto di Francis A. Willey 


Ti lascio un bacio


Ti lascio un bacio,
lontano volo d’un incontro
sul ciglio dei desideri,
e vai via…
mi resta il rombo del cuore:
la tua moto che parte
ed io immobile,
senza il coraggio di vederti
sparire.

Mi lasci un vuoto,
vicino compagno delle assenze:
un bicchiere
lucido come lacrime,
condensa del ghiaccio
svanito
senza il coraggio di smettere.

Matteo Cotugno
28-07-2013
inedita – diritti riservati

Amami


Amami
sui bordi delle labbra
sei più mia di quando
mi rovesciasti il mondo
apparendo inattesa
come un sorriso.

Amami
anche se frutto del sogno
sei scesa fino a me
rubando ogni angolo
in cui nascondevo
il tempo.

Amami
senza spiegarmi niente
di cosa hai scritto
nel tuo libro,
ne scriveremo mille a due mani
le nostre.

Amami
e fallo lungamente
tenendomi sospeso
fra i tuoi silenzi
come temerario
acrobata.

Amami
e tutto avrà un senso
perché tu
sei ogni cosa
non mi sono mai
spiegato.

Matteo Cotugno
21-07-2013
inedita – diritti riservati

foto di Marta Fiorentini

Sommerso


Si tocca il fondo
esondati da se stessi
in un mondo strano
che ti beve
e ti sputa via
quando vuole
come vuole.

Si tocca con mano
il duro della terra
siccitosa d’amore
e il fondo resta il letto
sotto una sola stella,
quella che t’ha fatto nascere
quella che ti vedrà morire.

Matteo Cotugno
19-07-2013
inedita – diritti riservati

Nascita


Il calamaio delle pupille
si estingue
nel tanto del mondo
ch’è troppo
e riesci appena a distinguere
contorni di giorni
sfibrati nella cosmica
trappola in cui si cade
appena nati.
Vagiti cullati sul seno,
affetto vitale segnato
dalla morte
- destino donato -
e si cerca il fondo
per emergervi ancora
senza annichilire,
senza pensarci tanto,
intanto si ama
la vita,
intanto si crea
la vita
amando.

Matteo Cotugno
19-07-2013
inedita - diritti riservati

in foto: Klimt (Vita e morte)

Sei bella


Sei bella come poesia
ragazza sulle tue labbra
ho scritto i versi più dolci
mordendoti il cuore nel bacio
più bello che mi hai regalato.

Sei bella come poesia
ragazza hai il cielo negli occhi
e il respiro dei voli più alti
nelle braccia che stringi sul petto
come angelo del mio paradiso.

Sei bella come poesia
ragazza sei un sogno che vive
nel filo di penna sul foglio,
emozione di prati stellati
sulla nostra pelle di luna.

Sei bella come poesia
ragazza che ami la vita
com’io amo te ogni istante
scrivendo il sogno più grande
in te… nella tua anima immensa.

Matteo Cotugno
05-07-2013
inedita – diritti riservati

foto dell’artista Marta Fiorentini

Coraggio!


Ammettere di spendersi
male nella vita
- prima condizione di risveglio -
ma scesi dal letto
la stessa sagoma nello specchio
a chiedersi perché
il torpore del mattino
fa male
e quella prima luce
acceca
si barcolla
si stenta
non si decolla
ci si tiene a stento
stentati e sdentati
arrabbiati
e non ci si accontenta di esserci presenti
si vuol fingere che tutto vada per il meglio
ma il meglio… lo dobbiamo ancora fare.

Matteo Cotugno
11-07-2013
inedita – diritti riservati

in foto “Il dormiente” magnifica opera pittorica della mirabile artista Rossana Parenti che ringrazio per la gentilezza


Se non ci fossi tu


Se non ci fossi tu
me ne starei disteso sul prato
a pensare a naso in su
a quando t’avrei incontrato
e anche se sei tu
che non arrivi mai
non me lo chiedo più
- so bene che lo sai -
il destino è così
finisce proprio qui…
dentro un volo
e resto solo.

Se non ci fossi tu
non ci avrei nemmeno provato
a farmi virtù
di non essermi innamorato,
sei arrivata tu
ed è tutto spiegato:
sei nata lassù!
Se t’avessi incontrato
anche quaggiù.

T’ho solo sognato
dentro un volo
e resto solo.

Matteo Cotugno
08-07-2013

inedita – diritti riservati

mercoledì 24 luglio 2013

Poesia


Fa lunghi giri la poesia
la vedi?
volteggia
indecisa e leggera
qua e là...
poi di corsa s'affaccia
sui davanzali della vita,
si sporge dal volere
di chi la scrive
e…
giù
si dona
si dona a tutti
liberamente
libera...
la vedi?
ti entra nel cuore
leggera e decisa
e va ovunque
poi
si affaccia in te
e ti mostra la vita
e i suoi doni,
li vedi?
non è magia...
è poesia.

Matteo Cotugno
24-07-2013

inedita – diritti riservati

martedì 23 luglio 2013

Silenzioceano


Dentro te
quel silenzio
siderale squarcia
come vento le ali
e cadi
- piccola nuvola -
nel fondo del mio oceano:
due infiniti
chiusi in noi.

Matteo Cotugno
23-07-2013
inedita – diritti riservati


sabato 13 luglio 2013

Un angolo


Un angolo anche lontano
ma che sia nel tuo mondo
è lì che cercherei rifugio.

Gli ingranaggi della vita
stritolano respiri e sogni,
è un’attesa interminabile
per un treno sempre in ritardo
sugli stessi binari,
stesi a correre nel grigiore
di stupidi uffici e marcatempo
aggrappati alle finte pareti
in luoghi del non senso.

Un angolo nascosto
per sentirmi vivo
cercando il tuo sguardo
dagli antipodi della strada
che inesorabile ci separa
ma ci unisce dentro,

è lì che cercherei rifugio,
è lì che ti troverò.

Matteo Cotugno
04-07-2013
inedita – diritti riservati

foto: hommage à la délicatesse (Marta Fiorentini)

Cosa t'aspetti


Cosa t’aspetti,
da un bicchiere mezzo vuoto?
Se ci guardi dentro lo sfiori
e non capisci:
il fondo è lì
un piccolo baratro
riflette l’immagine
tremula,
forse le mie labbra
a metà dell’orlo,
forse il destino
d’un addio atteso,
chissà se bevo
e mi schianto
al suolo della realtà,
mi sveglierei
da ogni notte rubata
pregando di morire
ogni momento
da quando resto fermo
e non ti sento
e non mi sento.

Matteo Cotugno
03-07-2013
inedita – diritti riservati

Amandoci


Quanto respiro sei
amore
da farmi rimanere senza

quanto cielo
il tuo abbraccio
nel mio a perderci dentro

quanto infinita sei
nei tuoi occhi
a brillare il mondo.

Come farò
amore
a tenere per mano
l’immensità che sei?

Come farò
amore
ad amarti per sempre
se l’eterno sei tu?

Amarti forse è questo
infinito che siamo
amandoci.


Matteo Cotugno
02-07-2013

inedita – diritti riservati

Farò così


Farò come sempre
negherò tutto a me stesso,
farò così
prendendomi in giro,
è quasi l’alba e questa notte
non si è vista,
l’ho solo immaginata
come un sospiro
che passa ad occhi chiusi,
come quel lamento
che spacca il cuore ad ogni istante.

Farò come sempre
mi spoglierò del tempo
tradito dal vento delle stelle
passate troppo in fretta senza te,
farò così
negandomi il risveglio
quand’è ora
che l’alba accende ancora
nuovi amori
e il chiarore ruba spazio
alle mie ombre.

Farò così
come sempre
mi lascerò andare
in una corsa
al buio di corridoi smarriti
negli abiti della tua indifferenza,
girerò in tondo
sulle parole che mi hai negato
e perderò ogni traccia del presente
sbagliando ancora ogni dimensione,
ogni direzione porti a te.


Matteo Cotugno
30-06-2013
inedita – diritti riservati

foto: perdersi di Mimmo Jodice

Non lo sapevi


Non lo sapevi
a farmi male basta poco
la mano che abbandona
brucia come fuoco
e non perdona
e non fa caso
a quanto male fanno
i tagli al cuore
dei vetri che ho ingoiato
a perdifiato
degli sguardi morti
nei miei e tuoi silenzi
e non fa caso
alle albe che s'infrangono
nei tramonti
spegnendo i ricordi
di una vita...
no, non fa caso
alla rabbia resa cieca dal dolore
alla voglia di volare a duecento
dal ponte più vicino
ch'è un istante
e niente è come prima
nemmeno come prima
di sapere ch'esistevi
e non eri mia
e non mi amavi.

Matteo Cotugno
26-06-2013
inedita – diritti riservati

Maledetto quello sguardo


Maledetto quello sguardo
beffardo sul non detto
ammiccando al cuore,
fortuna che ero fuori
da tutti i miei altari
e il dolore è rimasto lì
vetro fiorito
immolato nel passato
a non straziarmi più
il viso e gli occhi
che mi rapisti
e non mi hai più ridato.

Matteo Cotugno
luglio 2012
inedita

in foto: Girl Arranging Her Hair, 1918-19 Abbott Handerson Thayer