domenica 31 luglio 2011

Immobile



Immobile nel divenire
osservo il trascorrermi
un sorriso lieve
sul viso, sulla vita,
stemperato nella coscienza
di non comprendere,
di non comprendermi
negli equilibri dei silenzi,
nel frastuono delle ombre.

Immobile nel divenire
respiro e mi ritrovo
un anelito atteso
nel cuore, nel cielo,
disegnato nella speranza
di cominciare ad amare,
di cominciare ad amarmi,
nei recessi della pagina,
nel volgere del suo bianco.


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati
31-07-2011

sabato 30 luglio 2011

Sensazioni d'Isola




Ho visto il rosso della trachite
accendersi nell’acqua
smeralda di un’Impronta*
e respirato il mirto
scendendo dai suoi colli.

Ho sentito il giallo di un sole
accendersi nell’acqua
colorata di un’Aurora
e assaggiato il salmastro
salendo dai suoi scogli.

Ho toccato il rosa della sabbia
spegnersi fra le dita
adagiate in un pugno
aperto all'improvviso
e toccato la Vita
baciando la sua fronte.



© copyright 2010 Matteo Cotugno “PoesiAnima”
tratta dal mio libro PoesiAnima (Selezione Premio Poesia Alessandro Tassoni 2011)

foto di mia proprietà: Isola di Spargi (arcipelago della Maddalena)
*impronta: etimologia di Sardegna

venerdì 29 luglio 2011

Poesia è...


poesia è ...
la magia di un volo
... con te


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati

giovedì 28 luglio 2011

Mendicante


Mendico emozioni
in ogni angolo di strada,
fra i parchi vestiti a festa
e le periferie di cocci sparsi,
discreto mi avvicino
senza tendere la mano,
un sorriso è ciò che basta
o una lacrima di silenzio
che profumi la mia vista,
sempre persa ad inseguire
ogni nuvola del mio tetto,
ogni sogno che sia mio,
perché mendico la vita
ma le mie mille toppe
sanno solo di stelle.

Matteo Cotugno
inedita – tutti i diritti riservati
27-07-2011


tela: Vecchio mendicante con ragazzo - 1903 - Pablo Picasso

mercoledì 27 luglio 2011

Ascolta



Ascolta
quanto rumore discende
da quel brillare lontano

ascolta
come piangono argento
graffiando la volta

ascolta
l’assordare dei tonfi
morenti nel petto

ascolta
l’inarcarsi del cielo
alle suppliche vane

ascolta
i sussurri celati
fra questi fragori

… le tue risposte.


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati


martedì 26 luglio 2011

Sono fuori




Oggi sono fuori
lungo tante strade
mille lampioni accesi,
vie sempre aperte
a chi si presta e vende
anche il proprio corpo,
a chi ti plagia l’Anima
regalando droga,
vie sempre aperte
mentre passo e guardo
girare film spezzati
in saracinesche chiuse,
vivendo spento dentro
drammi sconosciuti,
morendo sempre prima
che risorga il sole.

© copyright 2010 Matteo Cotugno “PoesiAnima”
tratta dal mio libro PoesiAnima (Selezione Premio Poesia Alessandro Tassoni 2011)

Edvard Munch - Disperazione


lunedì 25 luglio 2011

Stop (Tanka)



Stop d'una vita
scesa giù per la strada
senza corsie.

Incroci di destini
ineffabili sempre.


Matteo Cotugno
Tutti i diritti riservati

domenica 24 luglio 2011

Vento d’azzurro (tanka)


Vento d’azzurro
profuma gli occhi tuoi
ed io mi perdo

una fune discende
dai tuoi laghi a salvarmi.


Matteo Cotugno
Tutti i diritti riservati

Tela
Amedeo Modigliani 1917





venerdì 22 luglio 2011

Bacio d'eterno




Bacio d’eterno,
profumo ritrovato
d’uomo perso
nello scorrere
sulla pelle dorata
di mani tremanti,
anime nude
nel paradiso inferno
d’un volo
e mai più.

Matteo Cotugno
Tutti i diritti riservati

in foto: Francesca da Rimini, 1837
William Dyce (1806 - 1864)
218 x 182.88 cm
National Gallery of Scotland

giovedì 21 luglio 2011

Bluff



Gioco d’azzardo,
in questa mano
di vita bluffo,
il viso non trapela
segno di falso,
l’occhio lucido
scruta i miei assi,
assenti come spesso,
come sempre,
rilancio alzando
la posta sicuro
d’averla vinta
se convinco.

Il mio fare certo,
incerto di tutto,
ma certo
lo stesso nel gioco
della mia vita
vince,
solo questa mano
tutti passano…
io resto!



Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati

mercoledì 20 luglio 2011

Inseguire vita


Il fremere delle foglie
spaura ali distese al sole
tutto il giorno,
attorno palazzi di città
fino a sera, quando
vivono fari sfreccianti
fra marciapiedi vuoti.

Nessuno si cura dei loro battiti
accelerati dal vento,
né di quelle luci
che spostano vite fra quattro ruote,
fermandosi al semaforo.

Ho un rosso acceso
da tempo,
dilatato nel mio sentire,
amo vedere dispiegarsi ali
veloci e riprenderle
dopo che lo sguardo le cede
corto nel cielo,
smarrito dalle grida di mille occhi
guidati alla vita,
giusto il tempo di un giro in volo,
attorno al mio vecchio palazzo.

Ho il verde ora,
riparto sotto le ali,
i loro cuori e il mio
in un unico viaggio,
ad inseguire vita.


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati


martedì 19 luglio 2011

Agenda rossa (a Paolo Borsellino)


Chino, impietoso sguardo,
leggo sul viso di chi non t’aspetti,
verità indicibili,  incredibili,
stregonerie ai danni dello Stato
di chi lo Stato dovrebbe amare.

Le parole posso armare
mani potenti
a mescere sangue al sangue,
senza fine, senza scrupoli,
e Giovanni lo sapeva.

Annoto vetri acuminati
a dilaniare ogni credo,
a calpestare ogni etica,
arrossendo quest’agenda
come il mio cuore.


a Paolo Borsellino

Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati

domenica 17 luglio 2011

Voglio le tue mani



Voglio le tue mani
intrecciate nelle mie,
un attimo in  cui
si ferma il cuore
e il tempo si dilata
spaziando l’infinito.

Bello sentire le tue dita
giocare a rincorrersi
in ghirigori stretti
nelle mie, dolci, le tue,
morbidamente vellutate,
solleticano desideri,
nascondendosi poi timide
nei palmi delle mie mani.

E tremo, e tremi…

So che sei mia ora
che gli occhi non ci bastano.


© copyright 2010 Matteo Cotugno “PoesiAnima”
tratta dal mio libro PoesiAnima (Selezione Premio Poesia Alessandro Tassoni 2011)






sabato 16 luglio 2011

La stella polare




Vendute le mie stanze
per respirare vita,
dormo in un cappotto
caldo più dell’eco
di quattro spoglie mura,
sotto ad un soffitto
che non annoia più
e fisso quella stella,
ferma sempre a nord,
ad orientarmi i sogni
per incontrare i tuoi. 


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati


in foto: Notte di stelle (di Edvard Munch)

giovedì 14 luglio 2011

Guariscimi … Anima mia


Ho una ferita aperta,
la giugulare dell’anima
è ancora lacera e grida!

Anima mia aiutami,
sei la piastrina
che può tamponarla,
prima che muoia
esangue.

Il sangue mi soffoca,
nell’aria dei polmoni
irrora falsamente gli alveoli,
schiumando i sogni di vita!

Anima mia aiutami,
sei l’ossigeno che libera
il mio spirito di vita,
prima che fugga per sempre.


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati


in foto: Anima in pena (di Ferdinand Hodler)

La speranza



video

Nei tuoi occhi
mi sono bagnato
coi colori del tramonto
stemperati dalle lacrime…
le più belle.

Nei tuoi occhi
mi sono vestito
con gli aneliti dell’Anima
rivolti verso il cielo…
il più azzurro

e ho rivisto nel tuo cuore
balenare la speranza
di avere un nuovo Amore…
il più grande.

Ama


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati





martedì 12 luglio 2011

Arruolato


In coda,
sempre in coda
inizia il soldato,
in coda al vestiario
e alla mensa,
in coda allo spaccio,
in coda alla doccia,
in coda…
quando ti chiamano
e volontario accetti
di andarci…
in coda al mondo!
e ci vai
perché la diaria
anche lei
è in coda!
e ci vai
perchè la tua ragazza
non deve essere in coda
ai tuoi sogni…

poi

un muro d’aria ti sposta,
per la prima volta…
salti la coda.


Matteo Cotugno
tutti i diritti riservati