martedì 21 ottobre 2014

Il buio


Il buio
è lo stanzino che riempie gli occhi
le cianfrusaglie animate a festa
le grida assordanti fra le mani
bagnate, - ragazzo smettila
la vita è a venire,
il dolore... quel nodo in gola
è l'inizio... ma passa -
non saprei cosa mandare giù
prima delle lacrime,
se le incomprensioni
strette nel cuore
o il mio odiarmi
fino a distruggermi...
e il parlare
come se al di fuori di me
ci fossi io stesso
da adulto...
mi fa già paura.

Matteo Cotugno
21-10-2014
inedita - diritti riservati

6 commenti:

  1. sembra un racconto che fa battere il cuore.
    Antonella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di cuore, a volte le poesie sono racconti brevissimi e la fantasia trascina il lettore al di là dei pochi versi per costruirgli una storia...

      Elimina
  2. Sentire la vita attraverso il caleidoscopio del buio nella sua metafora, una adolescenza sensibile che grida o prega... "quel nodo in gola è l'inizio... ma passa", non può vincere la paura. Grazie Matteo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le prime introspezioni non si dimenticano mai... grazie

      Elimina
  3. Apparteniamo al buio fin quando non smettiamo di averne timore e scegliamo di andare verso la luce. Nel buio restano le nostre più recondite paure. Bellissima Matteo, grazie Laura F

    RispondiElimina
  4. Buio a cui aggrapparsi... quando diventa culla per le nostre lacrime bambine...
    Molto sentita, Matteo... Grazie...
    Francesca Pillitu

    RispondiElimina