lunedì 26 marzo 2012

Chi siamo



Chi siamo
quando smettiamo
di vivere solo di aspetti,
misere sagome
nel silenzio sospese
tra rassegnazione
e consapevolezza,
lo sguardo perso
nel limite
e l’anima che si ritrova
in quell’immenso.

Matteo Cotugno
diritti riservati
26-03-2012

foto di Rodney Smith

14 commenti:

  1. Siamo sempre noi...mentre l'anima s'espande verso domande che non trovano risposte........

    RispondiElimina
  2. siamo quell'anime che s'espandono cercando risposte che spesso non riusciamo a trovare.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la consapevolezza diventa conquista, traguardo... grazie di cuore

      Elimina
  3. Chi siamo? un semplice contenitore fatto di pelle, carne e ossa ma all'interno abbiamo un enorme sacro rifugio , forse impropriamente chiamata "anima" , che è la mappa di una strada che solo chi è in grado di percorrerla, può arrivare alla vera conoscenza di sè .
    Magnifica composizione , come ogni tua, di grande profondità e spessore....grazie Matteo ♥ Marina P.

    RispondiElimina
  4. nel limite
    e l’anima che si ritrova
    in quell’immenso....,''-- in quel'immenso mondo pieno di vita,di cose belle e brutte,che però sono parte di noi!bella

    RispondiElimina
  5. quando ci poniamo la domanda "chi siamo?" comincia un viaggio interiore che ci porta al di là della nostra mera apparenza, inizia la consapevolezza del nostro essere limitati e della nostra caducità soprattutto ponendosi di fronte ad un orizzonte come il personaggio nella stupenda foto... solo l'anima è in grado di cogliere la nostra vera essenza... in quell'infinito...

    RispondiElimina
  6. ...e non sono domande quelle del poeta, che in questi versi "esaltano" la nudità dell'essere, nella consapevolezza che il mistero delle nostre corazze, serve solo a vivere nell'immensità dell'anima sconosciuta, perchè lo sguardo vi si perde dentro... E' molto bella e triste... Grazie Matteo.. Le tue riflessioni aiutano a riflettere! S. Pittalis

    RispondiElimina
  7. Sapessi quante volte Matteo, mi son posta la domanda, chi siamo e cosa servirebbe per migliorare il mondo, partendo ovviamenet da noi stessi. Proprio come osservi tu e facendo una sana introspezione, mi rendo conto che l'involucro non è nulla senza l'anima, che vi si cela dentro, con essa potremmo ottenere qualunque cosa le si comandi. Matteo, che dire, anche questa tua lirica è non solo bella, ma un grande invito alla riflessione. R. Di Vona

    RispondiElimina
  8. la trovo semplicemente stupenda !!!!!!!

    RispondiElimina